Prestito auto a taeg 0: migliori offerte, spiegazione, tassi da guardare

128

Indice dei contenuti

L‘automobile ricopre ancora un ruolo principale nell’economia delle città permettendo la massima mobilità agli abitanti. Ancora oggi è infatti importante avere a disposizione un’automobile, un mezzo che si riconferma ogni decennio come il principale mezzo di trasporto e il più diffuso, grazie al quale milioni e milioni di persone, ogni giorno, si recano al lavoro o a scuola.

E’ quindi indispensabile possedere una vettura, ma non tutti possono permettersi di acquistarne una nuova o di sostituire quella vecchia, per via della difficoltà e dalla mancanza di liquidità accusata da molte famiglie oggigiorno, per via della crisi e del periodo di difficoltà economica generale.

Come si può acquistare un’auto nuova, sfruttando le offerte del momento, anche senza disporre della liquidità necessaria

Il prestito auto: la nuova migliore soluzione

Più familiare alla cultura americana, il prestito o finanziamento ha impiegato più tempo in Europa e in Italia, nello specifico, a prendere piede. Un prestito è infatti molto differente, per natura e aspirazioni, a un acquisto immediato, e per questo inizialmente non ha goduto di grande fama.

L’acquisto immediato ti permette infatti di acquisire un dato bene o servizio in breve tempo, con un pagamento immediato: con un pagamento in contanti o elettronico, si può infatti arrivare a entrare in possesso dell’oggetto o del servizio desiderati, senza dover stipulare un contratto che vincoli l’acquirente, il cliente, al venditore per una settimana, un mese, un anno o più.

L’acquisto immediato è il metodo più rapido ed efficace per acquistare, ed è quello che utilizziamo di più, rappresentando la normalità e la quotidianità delle nostre giornate. Nel momento in cui, però, si ha necessità acquistare un dato bene o servizio e non si possiede la liquidità immediato per poterlo fare, entra in gioco il prestito.

In questo caso, è probabile che un giovane lavoratore, che ha da poco iniziato a lavorare e a mettere da parte dei risparmi, un nucleo famigliare, che deve sostenere grandi spese costanti e di vario tipo, o altre categorie, non abbiano a disposizione la cifra minima per potare a casa l’acquisto. Il prestito o finanziamento si rivela ideale per queste situazioni, in quanto permette di spalmare il pagamento nel tempo, dilazionando la spesa. In questo caso sarà quindi necessario solamente avere delle entrate fisse e periodiche che offrono la garanzia alla banca e a sè stessi, di riuscire a prendersi a carico il sistema rateale e pagare la vettura in comode rate.

Ma attenti ai tassi…

Per ottenere il miglior prestito o finanziamento possibile bisogna tenere sotto controllo alcuni fattori che, se ignorati, potrebbero ripresentarsi quando meno ce lo si aspetta. Una volta scelto il budget, ovvero la cifra che si vuole richiedere in prestito per poter acquistare l’auto desiderata, bisogna recarsi in sede di trattative muniti di documentazione: carta d’identità e tessera sanitaria con codice fiscale. Avere con sè la propria documentazione permetterà di accorciare l’iter e i tempi di richiesta, ed arrivare subito al momento delle trattative.

Ed è proprio nel momento in cui si valuta il prestito e la banca propone le diverse soluzioni, che bisogna tenere d’occhio i tassi d’interesse. Perchè se da un lato è vero che col finanziamento si può spalmare il pagamento su più anni in modo da non dover utilizzare nell’immediato grande liquidità, d’altro canto il pagamento, se dilazionato, sarà di ammontare maggiore. Il prestiti si fanno infatti carico degli interessi, che vanno parametrati al tempo complessivo di durata del finanziamento, ovviamente all’entità dello stesso,  a alla quantità di denaro che periodicamente bisogna versare all’istituto di credito.

Per ottenere un finanziamento vantaggioso, quindi, è bene conoscere bene i tassi di interesse e sapere come funzionano. Ad esempio: cosa sono TAN e TAEG? Scopriamolo insieme.

Gli interessi si pagano

Per poter valutare al meglio la convenienza di un prestito bancario o di un finanziamento, sono due i parametri principali che vanno presi in esame, e che possono essere utilizzati come veri e propri benchmark in grado di fornire una lettura accurata dell’offerta di finanziamento. Il TAN ed il TAEG sono quindi i valori principali su cui basare un giudizio in merito al finanziamento: ma cosa sono?

Spesso confusi o assimilati, il TAN ed il TAEG rappresentano in realtà due indici molto distinti. Il TAN è infatti è la misura degli interessi annuali del prestito o del finanziamento che si è sottoscritto: questo indice simboleggia quindi l’ammontare dei soldi che andranno versati alla banca tramite il sistema rateale, che però non fanno parte della somma del prestito ma vi si aggiungono. I prestiti nel tempo accumulano sempre più interessi, si può quindi affermare che più un finanziamento è lungo e duraturo, più gli interessi saranno maggiori e rilevanti. Il TAN è quindi un indice molto importante, capace di impattare la rata mensile, e di variare sensibilmente l’entità della cifra che si dovrà versare, sia in termini mensili che complessivi.

Anche il secondo indice, il TAEG, è estremamente importante. Il TAEG rappresenta infatti il totale della rata e degli interessi, ed è quindi il parametro più di rilievo nel momento in cui si va a valutare l’entità del finanziamento nella sua totalità. E’ infatti un’errore di molti, in fase preliminare, valutare il prestito solamente in base alla cifra netta. Restituire un finanziamento significa infatti valutare bene anche tutte le spese accessorie, che vanno alle commissioni bancarie al pagamento degli interessi dilazionato nel tempo. Esistono inoltre anche gli interessi a tasso variabile, imponderabili e che possono variare leggermente e periodicamente il valore del proprio finanziamento nel corso del tempo.

Il TAEG, dunque, è l’indice su cui fare affidamento durante la valutazione del prestito, in quanto rivela sia l’ammontare della rata mensile, che gli interessi aggiuntivi: questo permette al cliente che sottoscrive il prestito per comprare l’automobile, di conoscere anzitempo quanto interessi dovrà versare durante il periodo di rientro dal finanziamento, e come comportarsi di conseguenza. Sono infatti tanti gli istituti bancari, così come numerosissime sono le concessionarie: l’offerta di finanziamenti è varia e completa, e ognuno, consultando più interlocutori, può trovare quella che più si addice alle proprie necessità.

La convenienza

Riconosciuto l’importanza degli indici principali, TAN e TAEG, è necessario imparare ad interpretarli. In linea di massima, sia che si scelga un prestito personale o finalizzato presso la propria banca di fiducia, sia che si scelga di sottoscrivere un finanziamento direttamente presso la concessionaria, il TAEG rappresenta il valore che più va posto sotto l’attenzione. Essendo il risultato della somma della rata e della rata e degli interessi, calcolare il TAEG permette di avere una panoramica completa sugli importi che regolarmente andranno versati alla banca: più il valore del TAEG sarà basso, quindi, più il risparmio sarà maggiore.

Per un prestito rapido e veloce

Arriva per tutti la necessità di cambiare auto, e non sempre si dispone della cifra necessaria per poter acquistare con la propria liquidità. Oggigiorno, con la crisi e le difficoltà economica sempre più diffuse, altre metodologie di pagamento sono diventate consuetudine e non destano più scalpore. Per poter cambiare auto, infatti, esistono diverse modalità in gradi di assecondare e accontentare ogni cliente in base alle sue esigenze economiche. L’automobile è un mezzo di trasporto ancora centrale e fondamentale all’interno delle nostre città e della nostra società. Permette a tutti gli effetti di essere indipendenti, anche negli spostamenti, ed è per questo un tassello fondamentale per molte persone.

Se quindi non si ha a disposizione la liquidità sufficiente per comprare l’auto dei propri sogni, ci sono altri metodi di pagamento, come ad esempio il finanziamento.

Il finanziamento permette di acquistare l’automobile senza versare direttamente l’intera somma indicata sul prezzo di listino. Il finanziamento per acquistare una nuova vettura può essere essenzialmente di tue specifiche tipologie: il finanziamento personale, che si sottoscrive presso una banca o un istituto finanziario, ed il prestito presso una concessionaria. Il prestito personale è il prestito più classico, che prevede l’accordo con una banca per l’ottenimento della cifra necessaria per completare l’acquisto della nuova auto, e che viene direttamente accreditata sul proprio conto corrente.

Il prestito finalizzato invece ti mette rapidamente a disposizione dell’automobile desiderata, ed è specifico per l’acquisto di un dato mezzo o di un dato servizio.

Entrambe le tipologie di prestito hanno pro e contro, e possono essere estremamente vantaggiose a seconda della situazione economica del cliente. E’ inoltre possibile vendere la propria auto usata al fine di acquistare quella nuova: si potrà godere di uno sconto sul prezzo di listino, che insieme a un indice TAEG favorevole può significare un vero e proprio affare.